Italy

Chi ha votato Berlusconi?


l’Italia sbalordisce ancora una volta. L’opinione sui giornali esteri dopo le elezioni fa rabbrividire, pensano che sia un paese in mano a un commediante e uscito dalle mani di un criminale. Basta andare a leggere portate tipo El País, Al Jazeera, NYtimes, ne dicono di tutti i colori. Il video qui sopra é una simpatica parodia inscenata da Hitler quando scopre i risultati elettorali, penso che molto italiani possono dire di identificarsi con la sua reazione.

Spesso e volentieri ci ritroviamo a criticare il governo, ma questa volta penso che la critica debba essere rivolta agli stessi italiani che sono andati a votare.

Alle elezioni c’era il delirio, oltre 30 partiti, tra partiti, partitini, partitelli, movimenti, ecc. oltre 30. Non ho mai sentito di un altro paese che abbia cosí tanti frammenti politici. Centro-sinistra, centro-destra e i loro mille derivati (in molti casi nemmeno politici).
Tutti promettono di tutto e di più, riduzione tasse, benefici anzianitá, IMU e quant’altro. Tutti ovviamente uno contro l’altro, Grillo in testa a tutti col movimento che finalmente ridá la voce al popolo. Ma come onda d’urto non basta, perché sebbene rappresenta il popolo in molte delle sue fattezze, purtroppo é carente di un programma elettorale solido e credibile, e forse anche di un linguaggio appropriato. Ma comunque, ha buone intenzioni.

Mario Monti, che nonostante gli sforzi che ha fatto l’anno scorso, purtroppo paga per la sua poca esperienza e popolarità.

Il professore é sconfitto ma non di certo dimenticato, vi ricordo una cosa sola: nelle sue mani é stato messo un paese sull’orlo del baratro e solo lui ha messo in atto le riforme necessarie per il recupero del paese. E lo ha fatto sebbene cercando popolaritá e mai dimenticando la necessitá di mettere sicurezza nel paese.

Ma torniamo ai risultati elettorali, che ancora una volta sono ambigui. La rimonta di Silvio.

Colui che ha portato l’Italia quasi alla rivoluzione, colui che ha affrettato le elezioni e ritardato i suoi processi affinché fosse costituzionalmente “votabile”, colui che é stato  infinitamente accusato di corruzione, concussione, prostituzione minorile e suoi derivati. Dunque, é riuscito ad ottenere oltre il 20% de voti puntando dritto sullo stomaco degli italiani. Maestro dei rovesci, sbeffeggiatore, l’uomo che incarna al 100% ció che si considera riprovevole e moralmente sconvolgente riesce a dimostrare che ha ancora un seguito in questo paese parlando di tasse. Il bello é che gli italiani si accontentano di ascoltare “IMU verrá rimborsato!” ma non riescono a pensare oltre, non si accorgono che grazie all’abolizione di IMU e altre tasse l’economia italiana é quasi fallita nel 2011, non si accorgono che grazie all’Irap moltissime aziende hanno chiuso. Non si accorgono che tramite le tasse si ottengono benefici  e che “forse” ci salvano dal debito pubblico.

Giá da anni gran parte del popolo pro-Silvio é andato via, ma evidentemente molti sono ancora in patria, altrimenti come ci spieghiamo la sua rimonta? A chiunque ho chiesto se ha votato o no per Berlusconi tutti hanno negato “Ma no, cosa dici!”, questo mi fa capire solo una cosa: definirsi elettore di Berlusconi é segno di vergogna, scarso intelletto e memoria caché.

Ma il 22-23% da qualche parte lo ha pur ottenuto. Da chi?

Advertisements

13 replies »

  1. Che dire? Che fare(sa troppo di Lenin)? Vorrei prendere il passaporto di San Marino o quello del Turkmenistan. Vorrei che non fosse mai giorno per non vedere e continuare a dormire.

    Eccola qui l’Italia. Fatta di masaniello, magliari, saltimbanchi, di quelli che non hanno visto Genova, di quelli che a trent’anni vivono ancora con la mamma, di quelli che aspettano il posto fisso. Di quelli che fregano sulle tasse, sulla spesa. Che vanno in giro con le borse di Hermes finte ma comprate dai neri a via Ottaviano (da quelli stessi che poi vorrebbero cacciare a calci in culo). Gli Italiani che quando viaggiano sanno solo criticare perché la carbonara non e’ come a Roma (ma tu perché’ vuoi mangiare la carbonara a Vladivostok?), degli italiani che sono cresciuti con il biscione nel cervello perché leggere un libro e’ noioso. Ma anche gli Italiani che sanno solo piangere, che non fanno la fila, che sanno solo protestare (il voto a Grillo) perché’ ormai e’ un fatto genetico, dalla Roma dei Cesari a quella dei Papi, e dal Regno delle due Sicilie protestare per loro e’ il solo modo di sentirsi importanti.
    Di quelli che dicono che hanno fatto il ‘master a Londra” (hanno fatto una settimana in Inghilterra in una scuola d’inglese piena di spagnoli e portoghesi).

    Forse questa mattina son triste (in fondo qui e l’alba fredda e grigia. Con le nuvole basse attaccate all’orizzonte e cariche di neve, piene, come vacche gravide), ma io cara amica, oggi vorrei essere un altro.

    Grazie per il tuo post.

    • Caro Gianfranco, come mai mi ricordi Gérard Depardieu?
      Non sono mai stata in Turkmenistan ma é in lista giá.
      Non posso che essere pienamente d’accordo sulle tue critiche verso molti italiani… per quasi due anni ho lavorato alla Security a Heathrow e ti dico, forse loro (non tutti ovviamente) sono tra le tipologie di turisti piú sgradevoli (ottimo spunto per i miei prossimi articoli, ci sarebbe troppo da dire).
      Quando leggo cose tipo “Prendete a schiaffi un italiano su 3, lui non sa perché ma voi sí” penso che é meritato! Quindi caro amico mio, mi dirigo a te, non essere triste perché tu sei uno dei 2 italiani che non saranno schiaffeggiati, é una ragione per essere fieri 😉

      Dopo tutte le burle, critiche verso Berlu, gli italiani continuano a votarlo.

      http://www.thepostinternazionale.it/mondo/italia/il-culto-del-cavaliere

      Chiunque ha votato Grillo da una parte mi fa piacere, perché vogliono un cambiamento, e visto che Berlu riesce ancora a essere in prima pagina almeno hanno deciso di utilizzare l’ondata Grillo per esprimere il loro disgusto. Mi spiace per Monti, penso che lui ha fatto molto per questo paese, e otturando i suoi sforzi si ritorna nella voragine in cui eravamo immersi prima di lui.

      Cosa pensi che accadrá prossimamente?

      • Carissima, thank you for the confidence. Eventually I will slap myself in the face (better than having somebody else doing it)!
        One of the main reason why I am sad about this situation is the lack of normalcy and therefore missing the opportunity of running a wonderful country in a way that indeed will produce benefits for everybody. Italy has huge assets that have been passed on for centuries and little people are horrible stewards of this great heritage.
        And by the way…my size is one tenth of Depardieu’s!

        • Caro amico,
          my pleasure to help you 🙂 have slapped myself in the face more than once and totally useful.
          I think we can see the situation like this: il paese é stato sotto una nuvola nera per oltre 17 anni… Per cambiare ci vuole tempo (molto) e la persona giusta, penso che Grillo almeno in quella parte stia facendo bene nel dare la voce al popolo. Resta da sperare che sia anche capace prima o poi di adeguarsi alla situazione che gli si propone.

          Regarding your size, I’ll believe you, however, I implied that both you and Depardieu were willing to change your nationality ! 🙂 (I prefer Turkmenistan over Russia though…).

          Mi é piaciuto Napolitano come ha affrontato il tedesco.

    • Caro Giovanni,
      hai ragione, il popolo si é espresso via Grillo ed é stato clamoroso, ma spero che Grillo sia sufficientemente saggio da sapersi adattare alla situazione ed adeguarsi a una possibile collaborazione con Bersani. Altrimenti, Napolitano dovrá intervenire con fermezza.

  2. Gran video!! Su Monti io ho un giudizio un po’ più severo, nonostante a dire la verità (e non conoscendolo abbastanza) avessi visto positivamente la formazione di un governo tecnico con la sua leadership. Il mio giudizio negativo si basa sulla politica economica di austerità che, in periodi di crisi, è l’esatto contrario di ciò che si dovrebbe fare. Keynes docet.

    • Grazie per il tuo commento e visita 🙂
      Capisco il tuo sentire verso Monti, ha toccato troppo le tasche degli italiani e ció ha provocato l’ira. Forse come dici tu invece di tagliare qua e lá (anche se secondo me doveva tagliare mooolto i costi in politica) doveva spingere altri settori.
      Ma poi se ci pensiamo bene, Monti ha ricevuto in mano una pentola a pressione, ha fatto quanto poteva per arrestare l’ulteriore declino e secondo me ci é riuscito.
      C’é da sperare che ora i vittoriosi riescano a mettersi d’accordo… come la vedi tu?

      • Anch’io spero che M5S possa entrare in un governo di centro-sinistra o dare un appoggio parlamentare esterno. Dalle ultime dichiarazioni di Grillo ho perso gran parte delle speranze. Purtroppo Grillo non si vuole prendere responsabilità per varie ragioni. Trovo ridicolo che il primo partito d’Italia non si candidi a governare il Paese, ma si riduca a fare opposizione per un tornaconto prettamente politico.

        Su Monti sono d’accordo che gli sia stata messa in mano una patata bollente. E chi non spera nei tagli dei costi della politica. Nonostante ritengo quei tagli necessari, non penso che avrebbero rappresentato la panacea da punto di vista economico. Sono uno scandalo ed è necessario che la politica dia il buon esempio. Ma a livello numerico sono briciole rispetto a tutta la macchina delle PA. Monti non ha avuto lungimiranza. Sono stati attuati tagli orizzontali, senza alcuna politica. Giusto qualche pezza per tappare qualche buco. Per me quella non è politica economica. Poi aver sostenuto e siglato il fiscal compact (naturalmente con grande appoggio traversale in Parlamento) vuol dire davvero essere rimandati in Economics 101.

        • Caro Fabrizio,
          grazie mille per il tuo commento, e non posso che essere d’accordo su ció che dici riguardo Grillo. Secondo me, da come si sta comportando, se torniamo alle elezioni non otterrá di nuovo il 25% che ha avuto fin’ora, sta facendo molto baccano ma senza sedersi al tavolo per concretizzare le sue idee e le sue richieste per il nuovo governo. Mi aspettavo di meglio… Non é questo ció che io volevo da lui, i cambi di cui tanto parla devono essere presi in considerazione e se allearsi ad un altro é il modo, beh che lo faccia pattando le cose come ritiene piú opportuno.
          Se non lo fa non sarebbe assolutamente una sorpresa ritrovare PD e Pdl insieme.

          • Non credo all’ipotesi PD-PDL, sarebbe non solo un suicidio, ma anche un’agonizzante tortura. Penso che almeno questo Bersani l’abbia capito. Dalle info che riesco a seguire, vedo all’orizzonte quest’altro mostro istituzionale italiano, la PROROGAZIO (su cui potrei spendere ore ed ore a fare rime, ma te le risparmio!)

  3. Buon giorno, I will spare you my Italian which is unfortunately not as good as your English! Thank you for this post. It is good to hear that there are thinking Italians still around. When I saw the results of this election, I was ready to despair of Italy ever moving forward. Berlusconi did a top-notch job with his dumbing down the population via his TV stations, et al. I can only pray that you and other Italians like you raise your voices and fight for a democratic government that will implement the necessary reforms. Debbie

    • Dear Debbie,
      thank you for your comments.
      While you, me and many more are praying for the same change, on La Repubblica I can see how Berlusconi is again on trial… maybe our prayers have been heard!
      Grillo has done a good job by representing the people, very well done, I hope he’s also good enough to come to a deal for a possible government.

      Don’t stop passing by Debbie 🙂

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s